Elemento grafico

CAPITOLO 25

Fumatore e non fumatore a confronto

 

Se hai deciso di smettere di fumare sicuramente prima o poi ci riuscirai.

Elemento grafico

Elemento grafico

Per fare in modo che tu metta subito in pratica questo proposito e non tra sei mesi, voglio evidenziare in questo capitolo alcune differenze sostanziali tra il fumatore e il non fumatore, in modo che tu possa immaginare come sarà la tua vita quando il vizio di fumare sarà soltanto più un ricordo.

L'aspetto economico
Partiamo dall’aspetto economico perché non è affatto irrilevante. Una persona che consuma 40 sigarette al giorno, spende nel vizio all'incirca un quarto o un quinto del valore di uno stipendio medio di un operaio o di un impiegato semplice. È una follia anche se fossero molto meno giacché stiamo parlando di spendere soldi per una sostanza che ci fa del male. Molti fumatori cercano di risparmiare nell’acquisto di cose più utili e dilapidano una fortuna nel vizio di fumare. Avevo un amico che spendeva molti soldi in sigarette e scommesse sportive, ma quando si parlava di investire soldi in formazione, studio, attività di miglioramento personale o corsi di aggiornamento per il lavoro, tutto gli sembrava caro, anche solo spendere pochi Euro per l’acquisto di un libro. Da non fumatore avrai il vantaggio di avere più soldi che potrai usare per acquistare un’auto più nuova, per fare più giorni di vacanze durante l’anno, vestire meglio, investire nella tua formazione, abbellire casa e molte altre cose. L’aspetto riguardante il denaro è trascurato da molti. Il fumatore è ingannato dal fatto che la spesa per le sigarette è diluita nel tempo: questo gli dà l'impressione di non spendere molto, ma se facciamo un calcolo su base semestrale o annuale il costo del vizio è un salasso.

Gli odori
Una differenza che distingue i fumatori dai non fumatori riguarda gli odori che emanano. La persona che fuma 40 sigarette al giorno (anche molte meno) si porta costantemente dietro un odore stantio di tabacco. L’odore dei suoi vestiti e del suo alito è spesso così pesante da risultare fastidioso alla maggior parte delle persone, anche se queste non lo affermano quasi mai apertamente. Il problema degli odori è per molti non fumatori indice di sporcizia. Così, chi fuma, finisce per apparire, in molte occasioni, una persona che non cura la propria igiene personale. frown

Elemento grafico

elemento grafico

Anche all’interno della famiglia il fumatore trova spesso un suo caro che è restio a stargli vicino. Questo non fa che angosciarlo intimamente perché si sente rifiutato, non comprendendo a pieno quanto fastidio possano dare gli odori sgradevoli che si porta dietro. Per questi motivi, in molte circostanze, tra le mura domestiche il fumatore è portato a isolarsi e a passare molto tempo da solo o a tenersi a debita distanza da un suo caro, ad esempio da un figlio a cui danno fastidio gli odori forti. Quando smetterai di consumare tabacco sarai ben lontano dal vivere situazioni di questo tipo: avrai la libertà e la tranquillità di poterti avvicinare a qualsiasi persona, in qualunque luogo, senza temere di infastidire.

I divieti di fumare
I fumatori sono soggetti ai divieti di fumare in vari ambienti, locali pubblici e luoghi di lavoro. Questo li costringe a costituire spesso dei “ghetti” dove possono dare libero sfogo al loro vizio. Trovi sempre dei piccoli assembramenti di fumatori fuori dai centri commerciali, dai cinema, dalle scuole e dagli uffici. Ad esempio, molti fumatori sul posto di lavoro devono fare frequenti pause per fumarsi la solita sigaretta, con giustificato disaccordo dei superiori o del capo. Oltre a questo, in alcuni luoghi sono passibili anche di multe salate se non rispettano i divieti. Tale situazione non fa che aumentare, seppur in maniera lieve, la loro tensione e i disagi. Quando smetterai di fumare non sarai più soggetto a nessun divieto, né costretto a spostarti da uno spazio a un altro. Se vorrai spostarti da un ambiente all'altro lo farai in totale libertà e non perché sei costretto. Inoltre, non sarai soggetto a sanzioni e tutto questo non farà altro che metterti a tuo agio negli ambienti e nei luoghi in cui ti trovi o che frequenti.

Benefici sul corpo
I vantaggi per i non fumatori sono molti anche sotto il profilo fisico. Quando smetterai di fumare riacquisterai gradualmente il senso del gusto e dell’olfatto, ritornando a provare un sano piacere di mangiare e sentire gli odori, caratteristiche queste attenuate e ridotte dai veleni della sigaretta. Quando dirai addio al vizio, i tuoi polmoni e l’intero apparato respiratorio ti ringrazieranno molto. La tua respirazione diventerà più regolare, le irritazioni e la tosse persistente spariranno, l’aria che respirerai sarà più sana e ogni cellula del tuo corpo ne beneficerà. Quando sarai completamente libero dal vizio, la tua salute migliorerà in maniera marcata: poco per volta, ogni organo e tessuto del tuo corpo si libererà dalle tossine e dai veleni accumulati e il risultato sarà quello di sentirti più vigile, più presente e con un corpo più pulito.

Stati d'animo
Il fumatore è continuamente soggetto a doversi accendere la sigaretta per evitare di diventare nervoso, irascibile, irrequieto o ansioso. Quando smetterai di fumare e ti sarai ben bene disintossicato, ti libererai da questa condizione stressante fonte di molti turbamenti.

Le feste, le occasioni sociali, le riunioni di famiglia, dove l’euforia potrebbe indurti ad accendere una sigaretta, saranno invece per te un’occasione speciale: potrai dimostrare che hai smesso per sempre di ficcarti in bocca quel cilindretto di carta e tabacco carico di sostante velenose. In questo modo potrai godere e trarre piacere dal vero motivo per cui ti trovi a una festa o a una riunione: stare in compagnia e condividere momenti di vita con le persone. laughing


Compassione sociale
Se la tua consapevolezza sul fenomeno fumo sarà alta, inizierai a vedere chi ha il vizio sotto un’ottica diversa: lo considererai prigioniero di un falso piacere, costretto a fumare e non certo per una libera scelta. Per questo motivo e a causa della schiavitù, il fumatore è visto da alcuni come una persona da compatire e da aiutare. Quando ne incontrano uno, molti pensano: “Povero lui!”. È ormai considerato sempre più come un malato, un drogato o una vittima.

Approvazione e biasimo
C’è poi un altro aspetto da considerare. Tra le caratteristiche naturali dell’uomo c’è il bisogno e il desiderio dell'approvazione e ammirazione da parte del prossimo. In ogni cosa che facciamo cerchiamo sempre il consenso, l’accettazione e la lode degli altri. Di questo il fumatore soffre enormemente. Mentre fuma per cosa può essere ammirato? Non certo per il suo vizio. E così, in molte occasioni, l’ammirazione si trasforma in biasimo, l’approvazione in disapprovazione, il consenso in dissenso. La condizione più indegna e penosa riguarda il fatto che non è soltanto il non fumatore a provare questi sentimenti negativi verso chi fuma. Molte volte, è anche il fumatore a provarli verso se stesso. Quando ti libererai dal vizio e smetterai di fumare, ti accorgerai quanto vere sono queste affermazioni. Pensi che stia esagerando? Voglio confidarti che, molto probabilmente, per molti individui le cose vanno ancora peggio: è difficile con le sole parole descrivere nei minimi dettagli i disagi vissuti da una persona succube di un vizio che non riesce a sconfiggere. Il fumatore non sarà veramente in grado di godersi appieno la vita finché non avrà cancellato la sua costrizione, causa di molti disagi e problemi quotidiani. Ovviamente sto parlando di persone che fumano molto, ma anche se non ti annoveri fra questi, l’argomento può interessarti: oggi sei un fumatore occasionale, ma domani potresti diventare un fumatore abituale e, in questo caso, sapresti già quale destino ti aspetta.

 


 

Indice del libro

 

Whatsapp